samedi 28 janvier 2023

E Beethoven creò la Nona

Fregio di Beethoven, opera di Klimt (1901) 

Due secoli fa, nel 1823, il compositore era alle prese con quella che sarebbe diventata la sinfonia più amata. “La Monna Lisa” della musica come disse Debussy

 Per buona parte dell'anno 1823, quando era un cinquantenne malandato in salute, Ludwig van Beethoven fu impegnato nella composizione della sua Nona sinfonia in re minore opus 125. Era venuta finalmente a compimento l'idea lungamente coltivata di unire il canto alla musica sinfonica, un vecchio sogno che in parte aveva già provato a realizzare, per esempio nel 1808 con la Fantasia per soli coro e orchestra opus 80.

 https://www.repubblica.it/cultura/2023/01/20/news/beethoven_augias_anniversario_nona_sinfonia-384402242/

 

 

Dracula en musique!

Vlad #DRACULA il Musical #spettacolo a #Teatro 2023


 

 

dimanche 11 décembre 2022

La villa dei Gattini...non esiste

 

 Non è stata scoperta nessuna “Villa dei gattini” nel Parco archeologico di Pompei. A raccontare la nascita di questa bufala social, e il ruolo ricoperto dall’Intelligenza artificiale, è il suo stesso autore.
 
 
https://facta.news/notizia-falsa/2022/11/10/villa-gattini-pompei/

dimanche 20 novembre 2022

Prendi questa mano Caravaggio

 

Prendi questa mano Caravaggio

 

 

Con il quadro dei Musei Capitolini, il pittore maledetto inventò un tema ripreso nel Seicento. A partire da La Tour .

La Repubblica il 19 Novembre 2022


lundi 2 mai 2022

Napoli, riscoperto alla Biblioteca Nazionale uno scritto di Giacomo Leopardi: a 16 anni studiava l’opera di Giuliano l’Apostata

Un "quadernetto" - formato da quattro mezzi fogli, ripiegati nel mezzo così da ottenere otto facciate - in cui sono riportati circa 160 autori antichi e tardo antichi, ognuno dei quali seguito da una serie di riferimenti numerici (oltre 550). È stato identificato dagli studiosi Marcello Andria e Paola Zito, che su questa scoperta hanno scritto 'Leopardi e Giuliano imperatore. Un appunto inedito dalle carte napoletane' (Le Monnier Università, 2022)

 https://st3.depositphotos.com/12986366/37092/i/450/depositphotos_370929802-stock-photo-the-giacomo-leopardi-statue-in.jpg 

Un "quadernetto" - formato da quattro mezzi fogli, ripiegati nel mezzo così da ottenere otto facciate - in cui sono riportati circa 160 autori antichi e tardo antichi, ognuno dei quali seguito da una serie di riferimenti numerici (oltre 550). È stato identificato dagli studiosi Marcello Andria e Paola Zito, che su questa scoperta hanno scritto 'Leopardi e Giuliano imperatore. Un appunto inedito dalle carte napoletane' (Le Monnier Università, 2022)

Il periodo in cui Leopardi comincia a leggere Giuliano rappresenta una tappa significativa nel percorso di rivalutazione della figura dell’Apostata, offuscata a lungo dalla condanna quasi unanime degli storici fino alla metà del XVI secolo, riscoperta nel Settecento ad opera soprattutto degli illuministi (Montesquieu, Diderot, Voltaire) ma accolta in Italia fra attestazioni di stima e dichiarata ostilità. Richiami all’opera di Giuliano l’imperatore ricorreranno anche in altre opere leopardiane: in particolare nelle Operette morali (nei Detti memorabili di Filippo Ottonieri), nello Zibaldone e in alcune esercitazioni di carattere filologico.

“Oltre che investigare le finalità dell’operazione, i contributi del volume si prefiggono lo scopo di focalizzare al meglio il senso del binomio Giacomo-l’Apostata, un rapporto che sfida la longue durée, declinandolo in prospettiva decisamente interdisciplinare“, si legge nella quarta di copertina del libro di Andria e Zito. “Le riflessioni sono condotte sul filo di disamine storiche, filosofiche – dal IV secolo d.C. all’Illuminismo e oltre – e filologiche, volte, queste ultime, a indagare nelle pieghe di un tessuto lessicale e concettuale denso e significativo”, conclude la nota.

 https://www.ilfattoquotidiano.it/2022/05/02/napoli-riscoperto-alla-biblioteca-nazionale-un-autografo-di-giacomo-leopardi-a-16-anni-studiava-lopera-di-giuliano-lapostata

 

lundi 28 mars 2022

colloque international « Réception de Dante dans la littérature française : mises en perspectives, nouveautés, curiosités ».

 

 
 Contact : philippe.guerin@sorbonne-nouvelle.fr
 
liens pour connexion à distance :
 
jeudi 31 mars : meet.google.com/sbd-zhpk-qbs
vendredi 1er avril : meet.google.com/xqi-dbay-guq

vendredi 10 décembre 2021

Dante en Sorbonne

 https://upload.wikimedia.org/wikipedia/commons/e/e3/Dante_e_Beatrice_-_Divina_Commedia_%28Folio_53v%29.jpg 

 

La Société Dantesque de France célèbre  Dante en Sorbonne, en cette année de centenaire

Pour ceux qui ne pourrons assister physiquement à cette rencontre, une diffusion en direct de cette soirée d'hommage sur Facebook. est prévu.

Ilsera possible de suivre cet évènement au lien suivant :  
 
Il suffit de se connecter à 17 heures ce jour sur la page indiquée. Aucun code n'est requis.